Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

ITALIA: what else?

Come premessa ci tengo a dire che questa è stata un esperienza molto bella, sana e soprattutto molto interessante dal punto di vista sociale.
Partendo dalla prima settimana in Norvegia ospitati da Helle, io a livello personale mi trovavo in una condizione per la quale avevo finito la scuola e gli allenamenti sportivi non da molto e la mia primissima necessità era indubbiamente quella di "staccare la spina".
Penso che non ci fosse assolutamente nessun miglior modo per farlo, che in una casa in mezzo al nulla nelle foreste norvegesi, insieme a persone da tutto il mondo.
È stata quella un' esperienza mai provata prima, assolutamente fuori dal comune e che mi è piaciuta moltissimo, è scontato dire che a livello di vitto, alloggio e organizzazione Helle è stata impeccabile ed è filato tutto liscio. Passando invece alle due settimane passate al Campus con tutti gli altri ragazzi, penso che si sia raggiunto lì il culmine de veri scambi culturali.
Convivere H24, avere lunghe conversazioni organizzarsi per uno show finale, fare attività di ogni genere ed escursioni con persone da tutto il mondo (India, Brasile, Messico ecc...)
Trovo che sia stata, ribadisco, una delle esperienze più interessanti della mia vita.
Non mi sono dilungato troppo sugli aspetti organizzativi siccome più che affermare che sono stati impeccabili non saprei cos'altro scrivere.
Ci tengo infine a ringraziarvi ulteriormente per avermi permesso di vivere un'esperienza del genere. 

 

Introduction

The aim of this report is to relay my trip to Norway, with all its strengths and weaknesses.

The Host Family

They were very lovable, kind and helpful, they were like true parents. They gave me a wonderful room where to sleep and stay on my own. Furthermore, they brought me to the capital Oslo, giving me a chance to visit it. We used to joke and to talk about interesting things. We will see certainly see each other soon when they come visit Puglia.

Continua su pdf

Il 9 luglio 2019 ho avuto l’occasione di partire per la mia terza esperienza all’estero grazie al programma Lions Youth Exchange.
Quest’anno ho avuto la fortuna e il privilegio di esplorare uno dei paesi che più desideravo visitare: la Norvegia.
Non posso nascondere l’agitazione prima della partenza, nonostante non fosse la mia prima esperienza all’estero da sola, la partenza verso l’ignoto rappresenta sempre un momento di tensione.
Sono arrivata ad Oslo dopo un volo di sole due ore e sono stata accolta caldamente da tutta la comunità Lions di Drobak che, indossando i loro più splendenti sorrisi, ci hanno scortati fino alle nostre rispettive Host Families.
A Drobak ho passato una settimana indimenticabile, scandita dal rumore del mare (la famiglia presso la quale sono stata ospitata abita nei pressi di un fiordo!). I giorni passati in famiglia sono trascorsi fin troppo velocemente e quando io e le altre 4 ragazze ospitate presso la stessa famiglia abbiamo lasciato Rita (la mia host mom) e la sua casa, abbiamo tutte versato qualche lacrima.
Sapevo però che le ultime due settimane che avremmo trascorso al campo sarebbero state indimenticabili!

Continua su pdf