Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

ITALIA: what else?

Serenità e condivisione sono forse le prime parole che mi vengono suscitate se ripenso al mio scambio con il programma Lions Youth Exchange in Sri Lanka. 
Sí, perché forse é proprio questo che dà un valore aggiunto alle emozioni: saperle vivere con serenità insieme a qualcun altro, che in questo caso, inoltre, non conosci nemmeno.
Fin dalla prima sera, appena arrivata a casa di Manju (il coordinatore dello scambio) ho percepito un clima molto diverso da quello a cui sono abituata: era come se la “distanza” e le differenze che accumunavano ognuno di noi 8 campers fossero davvero minime, ancor prima di conoscerci.

La mia bellissima avventura è iniziata il 21 gennaio 2019 quando sono partita da Venezia.
Dopo uno scalo a Dubai e 10 ore totali di volo sono final- mente arrivata a Colombo dove però non c’era nessuno che mi stava aspettando!!
Mentre cercavo di capire cosa fare e dove andare, mi è arri- vato un messaggio dal fantastico organizzatore Manju che mi avvisava che alle 8 di sera mi sarebbe venuto a prendere un suo amico perché lui non poteva e sua mamma mi avrebbe prepa- rato la cena; l’unico problema era che erano le 8 di mattina!!
Alla fine tutto si è risolto per il meglio e ho dovuto aspettare solo mezz’oretta.
Una volta salita nel furgoncino, che sarebbe stato il nostro mezzo di trasporto per l’intero viaggio, ho cono- sciuto Manju e i miei primi due compagni di viaggio: Laura, anche lei italiana, e Paul, dall’Austria.

Continua su 

La mia esperienza in Sri Lanka è stata inaspettata sotto tutti i punti di vista:
ho saputo di quest’opportunità due giorni prima della fine delle iscrizioni ed ho preso subito la palla al balzo senza pensarci più di tanto, e grazie all’estrema disponibilità dei responsabili degli scambi giovanili YEC sono partita…..
16 Gennaio2008 alle ore 15:00, dopo una notte in bianco sorretta da mille preoccupazioni e dubbi su quello che mi aspettava, sono partita da Venezia da sola con il freddo e i miei pensieri.Ero veramente allo sbaraglio, non sapevo assolutamente nulla di quello che mi aspettava e non conoscevo bene nessuna delle persone che avrebbero preso parte a quest’esperienza con me .
Dopo uno scalo notturno a Dubay di quattro ore rigorosamente senza chiudere occhio; alle ore 12:30 (ora cingalese ,  7:00 ora italiana)  del 17 Gennaio  sono arrivata in una nuova dimensione…