Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

ITALIA: what else?

This year I decided to participate in Lions Youth Exchanges, and On July 15, one of the best experiences I have ever had begun.
I went to Slovenia and for the first week I was hosted by a woman named Petra, a mother of two sons, Luca and Jacob, who were also going through the same experience one in Italy and the other in Germany.
I had the opportunity to live this week together with a Finnish girl named Mira. She is such a sweet girl and we immediately hit it off, sharing moments like two sisters. Also, our host mom was friends with a lady named Barbara who was hosting two boys, Gaetano, also from Italy, and Summer a German boy.
For the whole week all four of us were together, we did a lot of activities like visiting caves, walking in nature, visiting monuments, we practiced different sports like basketball, volleyball, all this to get to know and experience the customs and traditions of the country at their best.
Continua su pdf

Era il 12 luglio quando sono partita un pó impaurita da quello che mi sarebbe aspettato, essendo la mia prima esperienza lions...
Arrivata in Slovenia la  famiglia si è presentata subito molto disponibile e gentile e questo mi ha aiutato tanto, mi sono adatta facilmente a tutte le loro abitudini tanto da diventare un membro della stessa famiglia.
Mi ero affezionata molto, tanto  che non volevo lasciarle per andare nel campo, senza sapere che mi sarebbero aspettati i 10 giorni più belli della mia vita che porterò sempre nel cuore.
I primi due giorni  nel campo sono stati duri perchè ti ritrovavi a dover confrontarti con persone che non avevi mai visto e per di più di altre nazionalità, abbiamo fatto tanti giochi per imparare a conoscerci e lo staff in questo ci ha aiutato molto perchè ci ha unito.

Quest'estate ho avuto l'occasione di partecipare agli scambi giovanili Lions: la mia destinazione è stata la Slovenia.
Si trattava della mia prima esperienza completamente autonoma all'estero, e probabilmente quella che ricorderò con più nostalgia: tutto ciò che ho vissuto mi ha davvero lasciato una traccia indelebile.
Premetto che, per motivi personali, non sono riuscito a trascorrere il periodo di ospitalità in host family, e che mi sono recato in Slovenia giusto in tempo per l'inizio del Lions Camp. Questo penso che mi abbia svantaggiato leggermente, non avendo avuto la possibilità di incontrare con anticipo i ragazzi che poi avrei conosciuto durante il campo.