Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

ITALIA: what else?

Grazie al progetto degli Scambi Giovanili promosso dal Lions Club, quest’estate ho avuto la possibilità di passare due settimane in Grecia, nella zona di Salonicco.
Descrivere la mia esperienza non è facile: non ci sono parole accurate per esprimere tutte le emozioni che ho provato in quel periodo e per la mia gratitudine di aver avuto l’opportunità di intraprendere questo viaggio. 
Durante queste due settimane sono entrata in contatto con la cultura e le abitudini greche, che sono per certi versi molto simili a quelle italiane e per altri totalmente opposte e che proprio per questo mi hanno affascinato tantissimo.

Il mio viaggio in Grecia
C'è poco da dire, è stata un'esperienza stupenda che non vedo l'ora di rivivere in un'altra parte del mondo. 
Durante questo viaggio non sono mai stata sola, addirittura all'aeroporto di Linate ho subito riconosciuto, grazie alla maglietta dei Lions, una ragazza che come me stava partendo per la Grecia; così abbiamo trascorso il viaggio in aereo insieme conoscendoci.
Arrivata all'aeroporto di Salonicco ho subito ricevuto una calda accoglienza da parte della mia "host family" che mi ha informata che avremmo dovuto aspettare l'arrivo di una ragazza tedesca, Marie, che avrebbe trascorso la prima settimana insieme a me a casa loro.
Il mio soggiorno in Grecia è iniziato come desideravo: con una grandissima pita di gyros che non vedevo l'ora di assaggiare.

La mia esperienza con il Lions Club si è svolta dal 5 al 19 agosto in Grecia.
È stato il mio primo viaggio completamente da sola, quindi mi chiedevo se sarebbe stato difficile vivere con degli estranei o riuscire a conoscere a fondo la loro cultura.
Ora posso dire che le mie preoccupazioni erano infondate: non solo entrambe le famiglie in cui sono stata ospitata erano composte da persone stupende, ma si sono anche creati dei legami molto forti.
Nella prima famiglia i genitori parlavano solo greco, ma il modo di capirsi si trovava lo stesso!
Avevano due figlie: Anna, di 23 anni, e Petroula, di 19. Abitavano in Ierissos, un paesino in Chalkidiki, una penisola piena di paesini simili che sorgevano lungo la costa e che abbiamo visitato giorno per giorno, e ospitavano anche una ragazza tedesca, con cui si è formata un’amicizia che non mi sarei mai aspettata potesse sorgere in così poco tempo.