Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

È passato ormai più di un mese dal giorno in cui ho preso quell’aereo per volare dall’altra parte del mondo, più precisamente in Indonesia.
Ma solo a ripensarci posso ancora sentire quel brivido di gioia ed eccitazione, misto ad un po’ di paura, che mi ha preso quando, dal finestrino dell’aereo, ho iniziato a vedere parte di quel paese meraviglioso che mi avrebbe ospitato per le tre settimane successive.                                                                                                                                                 
Jakarta, la grande capitale, era la prima tappa del programma.
La famiglia ospitante è stata fin dal primo istante affettuosa e felice di condividere ogni aspetto della straordinaria e variopinta cultura “giavanese”.
In quei quattro giorni ho assaggiato moltissimi piatti tipici, frutti esotici e snack, talmente tanti che ora mi riuscirebbe difficile ricordarmi tutti i loro nomi, ma posso giurare che mai avevo provato sapori così diversi l’uno dall’altro, dal più piccante al più dolce, a volte anche insieme. Essendo la città veramente molto trafficata, non abbiamo forse avuto la possibilità di visitare tantissimi posti, ma comunque ogni giorno è stato pieno e mi sono goduta ogni istante.

Continua su pdf