Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Ho deciso di intraprendere questa avventura il 13 luglio 2019 con il desiderio di aprirmi a nuove culture e scoprire nuovi paesi in un modo alternativo ma soprattutto per far conoscere il mio Paese e la nostra cultura ai ragazzi che avevano deciso di trascorrere l’exchange camp in Croazia.
All’inizio mi è stata presentata la famiglia Rosso, la quale mi ha accolto subito facendomi sentire parte di essa sin dal mio arrivo.
Dal 20 al 30 luglio ho soggiornato nel campo Lanterna (vicino POLA) con altri campers di nazionalità diverse.
Insieme abbiamo vissuto esperienze straordinarie, abbiamo partecipato a varie attività di volontariato, abbiamo trascorso giornate presentando la nostra terra e le nostre tradizioni.

Riccardo1L‘aspetto più bello è stato quello di poter venire a contatto con un modo di pensare completamente diverso, un modo di studiare diverso, comprendere meglio anche le cose che hai sempre dato per scontate e che invece sono caratteristiche proprie della tua cultura a cui non ti piacerebbe rinunciare. A volte è anche un’occasione per prendere coscienza di sé stessi e della propria storia.
Vivere con i ragazzi mi ha dato la possibilità di conoscere la Croazia, abbiamo scoperto che è un paese meraviglioso, e spero di poterlo rivisitare al più presto.
Abbiamo trascorso giorni che noi rifaremmo uno ad uno senza perdere nessun istante!
Riccardo2Ora che sono arrivato alla fine di questa magnifica esperienza, non mi resta che ringraziare tutti voi dei LIONS per avermi dato questa opportunità. Consiglio a tutti di provare questo tipo di esperienza dal momento in cui ci si porta a casa un pezzo di mondo e si fa partire un pezzo di cuore verso il paese nativo, almeno per me questo è stato ciò che è avvenuto tra la famiglia e i ragazzi.
È un’esperienza che spero di ripetere in futuro e che consiglio a chiunque sia attratto da questo tipo di viaggi, per migliorare e per ampliare il proprio bagaglio culturale! perché dà veramente la possibilità di fare crescere tutti i suoi componenti come cittadini del mondo.
Voglio solo ringraziare ognuno di voi per questo campo incredibile, mi mancherete tanto ragazzi, ci vediamo in giro per il mondo.

 Riccardo3