Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

“HAPPINESS [IS] ONLY REAL WHEN SHARED “
- La mia esperienza in Germania? Un autentico ‘colpo di fulmine’

“Solo se riusciremo a vedere l’universo come untuttuno in cui ogni parte riflette la totalità e in cui la grande bellezza sta nella sua diversità,cominceremo a capire chi siamo e dove stiamo”.
Tiziano Terzani

In questa citazione di Terzani è racchiuso uno dei valori cardine della mia esistenza.
Sono fermamente convinta che senza la diversità non ci sarebbe ricchezza nel mondo, curiositàe intento di esplorare negli individui.
Dove c’è diversità non c’è banalità ma solo bellezzaper l’appunto, e scoperta.
Inoltre, la diversità è necessaria per l’affermazione dell’individualità. 
Dunque non bisogna esserne spaventati, ma cercare di valorizzarla e sfruttare le oppurtinità di condivisione come questa il più possibile.

Continua su 

Durante quest’ estate, dal 1 al 20 luglio 2018, ho avuto la possibilità di vivere la mia prima esperienza Lions Youth Exchange. Meta di questa avventura è stata l’ Estonia, piccolo paese memore soltanto di essere vicino alla Russia, di avere un clima molto rigido e ottimi bevitori. 
Dato che era la mia prima esperienza di questo tipo, non avevo idea di cosa mi potesse succedere laggiù, della famiglia che mi avrebbe ospitato per 10 giorni, di una cultura molto distante dalla nostra e delle molteplici attività che avrei fatto.
Arrivato all’ aereoporto di Tallinn (la capitale estone) sono stato accolto molto cordialmente dalla mia host mother -Triin- e da un ragazzo macedone, Laze, con il quale ho condiviso sia il periodo in host famiy che nel Lions Camp. 

Continua su 

 

Sono sempre stata affascinata dai paesi nordici, poiché li ritengo parte di un mondo assetante, molto diverso dal nostro se pur vicinissimo.
Così, quando mi è stato chiesto di indicare i tre paesi in cui mi sarebbe piaciuto maggiormente trascorrere la mia vacanza Lions, le mie opzioni sono state Norvegia, Svezia e Finlandia.
Con immensa gioia, il 19 luglio ho preso quel volo che mi avrebbe portata direttamente a Helsinki, la capitale della Finlandia, dove la mia famiglia ospitante mi avrebbe accolta.
Che dire, è stata senza ombra di dubbio l’esperienza più bella della mia vita e tutto ciò che ho imparato resterà per sempre parte di me.

Continua su 

Questa estate, dal 31 luglio al 9 agosto, ho partecipato ad uno scambio giovanile promosso dal Lions Club .
L’esperienza, durata 10 giorni, è consistita nel prendere parte ad un campus con altri 30 ragazzi provenienti da 17 Paesi diversi del mondo.
La meta assegnatami è l’ East Sussex, un paesino dell’Inghilterra a 15 minuti da Hastings.
Il villaggio in cui ho alloggiato è il “Pestalozzi Village”, un centro di accoglienza per i meno fortunati.
Qui ho avuto l’opportunità di conoscere moltissimi ragazzi provenienti da ogni parte del mondo.
Lo Staff Lions del posto ha organizzato per noi delle attività: abbiamo visitato Londra, Hastings e il Castello di Dover.
Siamo stati coinvolti anche in un’attività di Service che consisteva nella pulizia di una spiaggia.
Ma oltre alle escursioni, quello che piu ho gradito è stato stare a contatto con ragazzi di altri Paesi: questo mi ha permesso non solo di conoscere culture diverse , ma di esercitare il mio inglese che era la lingua di tutti i giorni.
In più mi ha permesso di conoscere persone stupende con le quali sono ancora in contatto.
Un’esperienza da rifare!

A volte la vita ti sorprende, proprio come hanno fatto queste 3 settimane in cui ho vissuto esperienze e situazioni del tutto nuove, tali da modificare anche il mio modo di pensare. La prima settimana l’ho trascorsa con la host family, in una fattoria sul confine della Slovenia. Famiglia meravigliosa, difficile da definire solo ospitante, perché mi ha accolto sin dal primo istante come se facessi parte da sempre del loro gruppo.
Le esperienze che ho vissuto con loro sono state per me nuove ed entusiasmanti, in una tipica fattoria austriaca con tanti animali, posta a pochi passi dal confine con la Slovenia.

Quando rappresentanti del Lions sono venuta nella mia scuola e con un filmato molto coinvolgente hanno parlato di questa opportunità che ci veniva data mi immaginavo già seduta in aereo verso chissà quale meta perché io credo che viaggiare sia una una delle esperienze più belle che si possa fare e così presentai la mia domanda con molta speranza nel cuore.
Dopo qualche mese fui chiamata e avvisata che c'era un posto libero per me sulle Alpi francesi.
Non stetti  a pensarci troppo perché come potevo giudicare un paese senza averlo mai visto?
Così accettai.

Quando decisi di accettare la Malesia non avevo la minima idea di cosa mi stesse aspettando dallʼaltra parte del mondo e non è semplice trovare le parole per descrivere il mese appena passato. Nessuna parola può rendere realmente lʼidea di quello che ho avuto lʼopportunità di vivere.
La Malesia è stata una sorpresa, un posto in cui divertimento e la meditazione si uniscono perfettamente.
Se hai voglia di divertirti troverai a qualsiasi ora un locale aperto in cui cantare a squarciagola con i tuoi nuovi amici. Troverai sempre qualche street food aperto per saziare la tua fame delle 3 di notte o un bizzarro festival cinese che sembrerà non finire mai.
Una vita che non si basa solo sul lavoro, ma che riesce a trovare il giusto spazio per i doveri senza rinunciare a niente.
Una vita che può sembrare così frenetica ma vi assicuro che in questo posto, è semplicissimo “staccare la spina”, perdersi in qualche foresta o scalare una mont#gna per ritrovare la pace con se stessi o rendersi conto di non averla mai avuta.

Giappone,  paese tanto affascinante quanto particolare.
Devo dire la veritá che le mie aspettative erano più alte, certamente a causa del fatto che sono stato in una zona "rurale", dove certamente ho potuto provare il vero stile di vita giapponese, ma non gustare l'avanguardia teconologica di una città come Tokyo.
Mi sono trovato abbastanza bene nelle 3  famiglie che mi hanno osiptato e mi sono sentito accolto e voluto bene dai rispettivi Lions Club.
Dico abbastanza perchè  la comunicazione con le famiglie è risultata molto complicate e talvolta frustrante a causa della loro scarsa e talvota nulla conoscenza dell'inglese.

Lions Exchange questʼanno mi ha dato lʼopportunità: di partire per la Turchia, un paese colmo di pregiudizi e stereotipi che meritano di essere smentiti.
In primis la Turchia non é pericolosa, è un normalissimo paese con i suoi rischi e pericoli, ma con il vantaggio di avere tanti controlli in giro per le città.
Riguardo la religione, non sono tutti musulmani, vengono spesso confusi con gli arabi e non ci sono regole su come vestirsi o come girare per le strade.
Dopo questa premessa posso parlare della mia esperienza, ho vissuto per la maggior parte del tempo ad Istanbul, città evoluta con attrazioni in ogni suo angolo.
Al momento é una delle mie città preferite in tutto il mondo, perché oltre ad avere meravigliosi siti storici risalenti allʼetù Bizantina, accoglie benissimo i turisti e permette una vita frenetica che non lascia spazio alla noia.

Oggi vi parlerò del mio viaggio in America, più precisamente in Colorado, in una cittadina di nome Windsor: innanzitutto vorrei ringraziare colei che mi ha permesso di fare un’esperienza così bella, Maria Martino, senza la quale non avrei mai fatto un’esperienza del genere che ricorderò per sempre; vorrei anche ringraziare Giorgio Dall’Olio che ha coordinato la mia permanenza in Colorado insieme alla referente statunitense.
Quando Maria mi propose di fare il viaggio negli Stati Uniti ero molto felice e allo stesso tempo abbastanza spaventato perché questo è stato il mio primo scambio giovanile e la prima mia esperienza di viaggio in solitaria fuori dall'Europa. La mia prima paura è stata quella del viaggio, perché affrontare un viaggio del genere sembrava veramente difficile… alla fine non ho avuto alcun problema, una volta arrivato è stato tutto molto più facile e non avevo più alcuna preoccupazione; arrivato all’aeroporto ad accogliermi c'era Shannon, la mia “madre” ospitante: devo dire che mi ha accolto benissimo come se fossi un membro della famiglia. Arrivati a Windsor ho notato che rispetto all’Italia mi trovavo in tutto un altro mondo: un altro tipo di vita, molte cose sono diverse e hanno il bisogno di avere le cose il più grande possibile (case, macchine ma anche supermercati e negozi ad esempio). Arrivati a casa mi ha fatto conoscere i suoi tre figli, tutti molto più piccoli di me: Bryant ne ha otto, Corbine cinque e Nash quattro; nonostante la differenza di età mi sono trovato bene con loro e spero che anche loro si siano trovati bene con me. Shannon, pur avendo tre bambini a cui badare, si è sempre preoccupata per me e si è sempre chiesta se avessi bisogno di qualcosa.

Continua su 

Quando mi è stato proposto lo "Youth Exchange Camp 2018 Hong Kong, Macao e Cina" posso dire di aver subito accettato con gioia questa immensa opportunità concessami: la mia prima volta fuori dal continente europeo, in Asia, un paese completamente diverso dal mio: tradizioni, modi di vivere, cibo, paesaggi e monumenti inimmaginabili per ciò a cui siamo normalmente abituati.
Tenutosi nel mese di Giugno per la durata di tre settimane, ha dato a me ed altri 23 ragazzi provenienti da tutto il mondo la possibilità di scoprire questo “nuovo mondo”, a noi sconosciuto.
E’ stato un campo organizzato in modo eccezionale, che suggerirei a chiunque per le nuove esperienze e le lezioni di vita che ne trai:
dalla lussuosissima Hong Kong ai semplici e paradisiaci paesaggi cinesi passando per la colonia portoghese di Macao (piccola Las Vegas orientale). Un’organizzazione non indifferente che ha avuto a che fare con il severo governo cinese, permettendoci di visitare il “mondo” cinese per oltre 500 km.
L’avventura è cominciata non nel migliore dei modi: il mio volo, dopo aver fatto scalo nella città di Helsinki, avrebbe dovuto raggiungere l’altra parte del mondo in 10 ore; sono stati rispettati gli orari nonostante il fatto che ad Hong Kong ci fosse un nubifragio in nostra attesa. La situazione, tralasciando un atterraggio in obliquo sulla pista a causa delle raffiche di vento, si è fortunatamente risolta nel migliore dei modi.

Quando i Lions mi hanno telefonato per comunicare le mete del mio viaggio, mi hanno proposto tre Paesi molto distanti dal mio, e per questo motivo i miei genitori non erano d’accordo. Ero davvero dispiaciuta, in quanto ci tenevo a poter partecipare a questa esperienza.
Fortunatamente i Lions, mi sono venuti incontro proponendomi una quarta meta: la Svizzera.
Così ho iniziato a fare il conto alla rovescia in attesa della partenza.
Finalmente è arrivato il 7 luglio. Ero sicura che mi sarei trovata bene perché le mie due host family mi avevano già contattato per e-mail, inviandomi anche delle loro foto. Sono partita dall’aeroporto di Bari Palese. 
Il volo è durato poco e all’aeroporto di Zurigo c’era ad accogliermi la mia host mum, Katie, con sua figlia Fiona. Sono state fin dal principio molto gentili, mettendomi completamente a mio agio. Inoltre Katie conosceva discretamente l’italiano e questo mi ha molto aiutata in quanto non avevo mai fatto lunghe conversazioni in inglese e né tantomeno conoscevo il tedesco. La prima settimana passata con loro è stata davvero fantastica ed emozionante. Insieme abbiamo visitato le bellissime città di Lucerna e Basilea, la cittadina di Weggis e i resti archeologici di Augusta Raurica. 

Si è da poco concluso il mio primo viaggio in Asia, che ho per tanto tempo sognato, e precisamente nella piccola isola di Taiwan; e, che dire, come tutte le occasioni inaspettate, sorta quando ormai avevo perso ogni speranza di partire questa estate, si è rivelata piena di sorprese. 
Ma partiamo dall’inizio.
Il mio soggiorno è durato tre settimane, la prima e la terza di queste in due diverse host families, e nel mezzo tra le due ho trascorso sette giorni in camp. Appena atterrata all’aeroporto di Taipei, stanca, disorientata e un po’ in ansia, ho ricevuto un’accoglienza che mi ha subito fatta sentire a casa da parte della mia prima famiglia, composta da Wei Tzu, una ragazza di 22 anni, e sua madre.
Con loro ho trascorso dei giorni meravigliosi, tra la visita di paesini turistici e cascate, di Taipei e del grattacielo Taipei 101, pattinate sul ghiaccio e grigliate di pesce pescato da noi, e ho stretto un forte legame con la mia sorella ospitante, che presto verrà a trovarmi a Matera, a casa mia.

Continua su 


Durante il mese di marzo mi è stato proposto di partecipare allo scambio giovanile dei lions per il quale ho avuto il mese successivo l’accettazione con destinazione Russia. Da subito fui molto emozionata di andare in un posto per me tanto misterioso e con tante bellezze. La referente italiana Luigia Fortunato e la referente russa Armine Oganesyan si sono rese disponibili per qualsiasi aiuto. Armine ha creato un gruppo su facebook ed uno su whatsapp per dare le prime informazioni sulla storia della città e per far iniziare a conoscere i diversi partecipanti internazionali dello scambio che consisteva solo in un periodo di famiglia ma era stato organizzato sotto forma di camp: ogni mattina noi partecipanti con rispettivi fratelli e sorelle ospitanti ci incontravamo in un punto della città per passare insieme la giornata. Pochi giorni prima della partenza gli organizzatori attraverso i gruppi formati sulle piattaforme social ci hanno fornito le prime informazioni riguardo cosa avremmo dovuto fare e portare, infatti durante questi giorni ci è stato inviato il programma della permanenza: 11 giornate di visite di gruppo a musei, chiese e palazzi e due giornate dedicate alla famiglia in cui noi ragazzi ospitati potevamo decidere, chiedendo alle nostre famiglie nel caso di escursioni in altre città o simili, il da farsi.

Vi siete mai chiesti cosa ci faccia definire un viaggio indimenticabile?
Saranno i posti visitati, i profumi, i colori di una terra diversa, le persone e perché no…anche il buon cibo.
Ma in fondo credo che, come diceva Totò, “è la somma che fa il totale”. E io penso proprio di poter definire indimenticabile l’ultimo dei miei viaggi.
Grazie all’associazione Lions Club ho partecipato ad una meravigliosa esperienza durata tre settimane in uno degli Stati più antichi d’Europa: l’Austria.
Un’esperienza che ha la musica come sua protagonista indiscussa. Quella musica che dona emozioni, regala lacrime, sorrisi e che unisce persone da tutto il mondo.
Il mio viaggio ha avuto inizio il 7 luglio e terminato tre settimane più tardi.
Durante la prima settimana sono stata ospitata da una famiglia austriaca a Linz per poi, spostarmi a Graz per il Camp “Sound of Music”.

Continua su 

It was the 22ndJuly 2018 when I left for Berlin with a blue polo shirt, the uniform of the Lions Club International – MD 108 Italy. It was the first experience with this association and since the beginning I discovered how everything was perfectly organised. The plane took off from Malpensa and landed at Berlin Tegel in the evening. There I met my host father, a 60-year-old man married with a 50-year-old male partner. I spent an entire week with Bernhard – his husband has been abroad for the whole week – and he was always available and kind. During my stay at his house we visited the city centre together and I hanged sometimes with other guys of the camp I got to know the first week. I visited different museums during the first days and the one I loved most was the Wall Museum – Checkpoint Charlie, where people can learn every aspect of the “Mauer”. I was deeply stuck by the reproduction of the escape through the insuperable wall hiding people in the tidy trunk of the cars. On Tuesday I went with my host father on a bicycle tour of 30 kilometres along the watercourses of the city discovering the local nature. It’s been a great tiring day. Then we went to the top of the tower of the “Olympia Stadion” from where we could admire the view of the entire city.

Prima di tutto vorrei ringraziare di cuore il Lions Club, al quale sono infinitamente grato per avermi dato questa meravigliosa opportunità di conoscenza e di crescita personale che lascerà per sempre un segno nella mia vita.
A beneficio di tutti quelli che stanno pensando di percorrere una esperienza simile, voglio dire che, prima di partire, ero un po’ dubbioso sulla scelta fatta; temevo di rimpiangere un po’ l’estate nei nostri lidi ed il tempo non trascorso con i miei amici di Ravenna. Ora sono estremamente contento che i miei genitori mi abbiano spinto a sperimentare questa esperienza e non cambierei la mia scelta, nonostante la destinazione non fosse quella che avevo indicato nella mia domanda di ammissione agli scambi.

Continua su 

Quest’anno sono partita per la prima volta con gli scambi giovanili. Il mio viaggio in Virginia è iniziato il 16 giugno con un lungo volo prima verso amsterdam e poi a New York dove ho incontrato Alice, una delle ragazze con cui avrei trascorso le ultime due settimane nel campo a Virginia beach. Da qui ho preso un aereo insieme ad Alice diretto verso Norfolk dove Lydia, Mike e Ociana Sestito, mi aspettavano con un bellissimo cartellone di benvenuto che mi ha subito fatta sentire accolta.
Non solo per me era la prima avventura con i Lions, lo era anche per la mia host family, i Sestito. Mi sono trovata veramente molto bene con loro anche perché mi hanno sempre fatta sentire l’ospite ma allo stesso tempo anche un po’ parte della loro famiglia, ed è stata davvero una bella esperienza poter far parte della loro quotidianità perché era diversa dalla mia. Il giorno successivo è arrivata una ragazza dal Messico, Ana, con cui ho condiviso queste due settimane in famiglia a Chesapeake, durante le quali siamo state al mare, in diversi centri commerciali, a Norfolk e abbiamo anche partecipato ad un cre dove aiutavamo a badare i bambini e giocavamo con loro. Queste due settimane che ho trascorso insieme a Lydia, Mike, Ociana e Ana sono state davvero uniche.

Lo scambio giovanile Lions è stata sicuramente un'esperienza unica ed emozionante .
La mia avventura è iniziata il 18 luglio , sono partita con una valigia piena ma senza alcuna aspettativa , mi ero infatti ripromessa di vivere tutto giorno per giorno . Al mio arrivo a Wausau ho trovato li ad attendermi la mia famiglia ospitante e una ragazza taiwanese che avrebbe vissuto con me .
Da subito mi sono sentita accolta e integrata nel nuovo stile di vita anche se mi ha estremamente colpito la grande differenza tra il luogo dove mi trovavo e la concezione di America che tutti hanno: grattacieli, città trafficate e tante , tantissime persone .
La realtà che io invece ho scoperto è costituita da piccoli paesi di contadini e allevatori di bestiame immersi nella tranquillità della campagna .

Quest'estate ho avuto la fortuna di partecipare al Lions Youth Exchange a Berlino e senza dubbio è stata un'esperienza bellissima.
Sono partita per la Germania il 22 Luglio e nonostante non fosse né la prima volta che partivo da sola né il viaggio più lungo e complicato ero molto spaventata: alla fine dei conti stavo per partire verso un paese e tante, tante persone nuove.
La prima settimana a Berlino prevedeva la nostra permanenza in una famiglia, e devo dire di essere stata parecchio fortunata perchè i miei host parents si sono dimostrati subito estremamente disponibili e gentili nei nostri confronti.
"Nostri confronti" perchè oltre a me, c'era anche un'altra ragazza americana con cui condividevo la stanza.
Durante questa settimana siamo state completamente autonome sotto tutti i punti di vista: la mattina dopo esserci svegliate e aver fatto colazione con la famiglia prendevamo uno dei tanti fantastici mezzi di trasporto berlinesi alla volta di una qualsiasi meta.
Entrambe avevamo una lista di luoghi da visitare e in sette giorni siamo riuscite a vedere quasi tutto, certo, camminando e stancandoci moltissimo, ma ne è ovviamente valsa la pena.