Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Racconterò l'esperienza più bella della mia vita, in quanto grazie al Campo Lions ho conosciuto delle persone fantastiche che non dimenticherò facilmente !
Innanzitutto, è stato il mio primo viaggio da solo e per di più non è stato un viaggio qualsiasi, è stato un viaggio che mi ha portato dall'altra parte del mondo, in Australia.

12/07- il grande giorno! Partenza dall’aeroporto di Firenze, scalo a Vienna e finalmente Innsbruk dove la mia host-family mi aspettava insieme a Martine, la mia camp- sister. 

13/07- la host-sister mi presenta la città di Mondsee, è molto carina e ci ha portate anche dentro la basilica St. Michael famosa per il film “the sound of music”. Nel pomeriggio siamo stati a fare un giro in nave del lago e alla sera ci hanno portato nel centro delle città dove era stato allestito un maxi schermo per la finale dei mondiali di calcio.

14/07- oggi siamo stati a Salzwelten! Una volta indossata la tradizionale tuta dei minatori, con un trenino da miniera siamo arrivati nelle sue profondità dove ci hanno spiegato come un tempo si estraeva il sale e perchè il lavoro in miniera era così pericoloso.  La sera siamo tornate nel centro di Mondsee e abbiamo ascoltato la musica tradizionale austriaca.

Prima di iniziare penso sia più che necessario ringraziare voi Lions Club Saluzzo-Savigliano che mi avete offerto e sponsorizzato questa esperienza anche perchè, se non fosse stato per il test d’inglese fatto a scuola, probabilmente non sarei mai venuto a conoscenza della vostra organizzazione.Questo viaggio in Austria ovviamente era il primo per me con i Lions ma non è stato il primo Scambio Giovanile all’Estero della mia vita eppure posso convintamente dire che lo scambio con i Lions è stato assolutamente la più bella esperienza della mia vita. Prima di partire mi aspettavo uno scambio come altri e invece lì ho trovato coloro che sono ora i miei migliori amici. Ho trovato ragazzi e ragazze che come me non erano alla loro prima esperienza all’estero e perciò ci siamo presentati come persone molto aperte, insieme non abbiamo sprecato un minuto delle 3 settimane, ogni occasione era buona per divertirsi. Penso che la ricetta che abbia reso lo scambio indimenticabile per tutti i partecipanti sia la combinazione tra il fatto che ognuno aveva un buon livello d’inglese e che ognuno veniva ‘da solo’, quindi accompagnato da nessuno, perciò non si tendeva a creare per esempio gruppi di italiani o di finlandesi o turchi ecc...

12 / 7 – Dopo 8 ore di viaggio sono arrivato a Vienna e ho conosciuto la famiglia: sono delle persone molto gentili e disponibili e Margareta mi ha detto il programma per i giorni successivi. Non vedo l'ora!

13 / 7 – Alle 10 arriva a casa un altro ospite, un ragazzo inglese (questo però non è qui con il Lions Club) e con lui, Margareta e suo marito sono andato allo SchloßSchönbrunn (il giardino pubblico che una volta era il giardino della reggia imperiale estiva).

14 / 7 – Oggi abbiamo fatto un giro per il centro e visitato la cattedrale di Vienna (Stephansdom), a Stephansplaz.

15 / 7 – Prima di pranzo, abbiamo visitato un negozio di Julius Meinl e la zona commerciale di Vienna.

16 / 7 – Abbiamo visitato il quartiere ebraico e alcune chiese storiche, avevano degli stili completamente diversi: questo fa capire la quantità di culture cche hanno vissuto e vivono ancora a Vienna.