Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Tra il 3 ed il 22 Luglio di quest’anno ho partecipato ad un campo di scambi culturali nel nord della Norvegia. 
Premetto col dire che non è stata l’esperienza più bella della vita, ma è stata un’esperienza che andava fatta e che non mi pento assolutamente di avere fatto. 
Alcune esperienze ci cambiamo la vita, è vero, ma quali esperienze non ci hanno cambiato la vita?

Di questo viaggio in Norvegia ho apprezzato molte cose, come la gentilezza e la disponibilità dei membri del Lions e la simpatia nonché l’intelligenza di alcuni compagni d’avventura: dico alcuni perché come non possiamo essere amati da tutti allo stesso modo non possiamo amare chiunque. Come diceva Teognide a Cirno: “ Non si può piacere a tutti, ma in questo non c’è niente di strano, o figlio di Polipao. Anche Zeus, che mandi la pioggia o la neghi, non piace a tutti”. 
Un’altra cosa che ho apprezzato è stata capire quanto le prime impressioni possano essere sbagliate. 
Ringrazio tutti i membri del Lions che mi hanno concesso di fare quest’esperienza (che potrebbe avere senza dubbio un’utilità futura che per ovvi motivi oggi ancora mi sfugge ), ma un ringraziamento ancora più grande va ai miei genitori. 
- “Siamo brevi, il mondo è sovraffollato di parole. “ Stanisław Jerzy Lec