Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Non avrei mai pensato che sarebbe stato così difficile trovare le parole adatte per parlare della mia esperienza in Mongolia, eppure è così. Questo non perché io non abbia niente da raccontare, ma, al contrario, perché avrei così tanto da dire che mi riesce difficile scegliere solo alcuni episodi o momenti da condividere. Dall’altra parte, però, penso che questo sia inconsciamente anche un comportamento protettivo nei confronti di quelle immagini e di quei momenti che sono dentro di me, è come se raccontandoli si rovinassero e perdessero la loro purezza, perché quello che questa esperienza mi ha regalato sono dei gioielli veramente preziosi. 

Quando penso alla Mongolia, non mi vedo mai da sola, ma tutto quello che ho fatto è stato condiviso con le mie fantastiche compagne di avventura, due ragazze italiane Lisa ed Eleonora, una ragazza olandese, Sammie, e le due ragazze mongole che ci hanno ospitato nelle loro case, Degi e Angirmaa. Loro due sono state le nostre vere accompagnatrici in Mongolia, quelle che ci hanno permesso di conoscere e capire veramente la cultura mongola, che ci hanno fatto visitare tutte le parti della città e che ci hanno portato a visitare posti di cui le guide non parlano. Con loro abbiamo capito non solo cosa significa vivere in Mongolia, ma soprattutto cosa viverla significhi.

 

Continua su