Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

La mia esperienza in Grecia è durata 3 settimane, tutte e tre passate in host families.
Purtroppo la Grecia non ha ancora un Campo, ma vi assicuro che tuttavia il divertimento non può mancare.
Il programma è molto differente da persona a persona perché dipende dalle famiglie in cui si viene ospitati.
Per questo quindi parlerò più dello stile di vita e delle abitudini della Grecia piuttosto che di tutte le visite svolte.


Nella prima famiglia eravamo ospitate io una ragazza americana con la quale ci siamo ritrovate anche nell'ultima settimana.
Essendo estate, la maggior parte dei  greci si sposta nella casa di vacanza perchè vivere in città sarebbe impossibile.
Così la nostra prima settimana si è svolta proprio come una vacanza da sogno: mare ( caraibico), spiaggia, sole nella prima gamba della penisola calcidica.
Ho riscontrato abitudini molto simili a quelle di noi italiani ma altre anche molto diverse.
Per me ad esempio, inizialmente è stato difficile abituarmi ai ritmi: sveglia tra le 11.00  e le 12.00, colazione, spiaggia, pranzo verso le 16.00 e le 17.00, riposino, cena verso le 22.00 e poi si usciva e si rientrava a dormire tra le 3.00 e le 4.00.
Se pensate di poter mantenere la linea, sarà molto difficile: mangiano tanto e bene; inoltre stando in famiglia vi cucineranno i più deliziosi manicaretti.

La seconda settimana io e la mia amica americana ci siamo separate andando in due famiglie diverse.
La mia famiglia stava a Thessaloniki ed i componenti si sono rilevati disponibili a portarmi a visitare qualsiasi cosa volessi. Quindi ho visitato in lungo e in largo la città, sono andata sul monte Olimpo, ho visitato il sito archeologico di Verginia, ma allo stesso tempo con la mia host sister ed i suoi amici uscivamo la sera o per meglio dire gran parte della notte o eventualmente, se troppo stanche, facevamo "serata film".

Infine nell'ultima famiglia io e Lauren ( l'americana) ci siamo ritrovate.
Anche qui ospiti nella casa di vacanza. La cosa particolare di questa famiglia è che stavamo con i nonni dei ragazzi che ci ospitavano.
Tuttavia si trattava di una super nonna in cui lo spirito Lions era più che evidente e da lei, oltre che essere rimaste impressionate, abbiamo imparato moltissime cose.
Come si può già intuire disponibilità, generosità e cordialità erano al primo posto ogni giorno.
Abbiamo dunque fatto un paio di giornate al mare e un paio in giro a visitare siti archeologici, musei, parchi e grotte.
Ma la sera era il momento più bello di tutti: dopo cena uscivamo a raggiungere la compagnia di amici con i quali stavamo seduti in spiaggia a parlare, ridere e scherzare. Pur non avendo direttamente niente a che fare con noi, questi ragazzi si sono rilevati subito amichevoli ed è stato quindi impossibile non stringere un rapporto di amicizia.

L'organizzatrice del programma in Grecia è molto disponibile e ha fatto qualsiasi cosa perché noi ci trovassimo non bene ma al meglio.
Inoltre ha organizzato per noi un party l'ultima sera per salutarci tutti e per conoscere coetanei greci che hanno partecipato come noi a uno scambio.

Un'esperienza davvero indimenticabile, se ne avete l'occasione partecipate!