Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

La mia avventura in Giappone inizia il 14 luglio 2015. Sono stata ospite per quattro settimane di quattro famiglie giapponesi che hanno fatto di

tutto per farmi sentire a casa anche in un paese così lontano ed esotico come il Giappone.

All'inizio ero molto tesa all'idea di questo viaggio; non era la prima volta che viaggiavo da sola, ma mai ero stata via così tanto tempo e soprattutto

in un luogo così lontano e diverso dall'Italia e del quale avevo una conoscenza approssimativa.

Il Giappone non è un paese “dietro l'angolo”, ci sono 7 ore di fuso rispetto all'Italia e per raggiungerlo ho dovuto prendere due voli, il primo di 6 ore fino a Dubai e il secondo di 10 ore per Osaka.

E' stato in quest'ultimo volo che ho conosciuto altri ragazzi che come me erano diretti in Giappone grazie a questo progetto e con cui ho condiviso aspettative e timori.
Le maggiori preoccupazioni riguardavano soprattutto il modo di comunicare: noi conoscevamo solo un paio di parole in giapponese e in Giappone l'inglese è conosciuto poco, male e da poche persone.

 

Continua su