Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Sono partita da Torino il 6 Luglio e, dopo circa 9 ore di viaggio in treno, sono arrivata alla stazione di Vichy nel tardo pomeriggio dove sono stata subito accolta da due membri del Lions Club di Vichy. Insieme a loro vi erano due ragazze, una Svedese e una Norvegese, e un ragazzo Spagnolo ed è stato subito emozionante in quanto non vedevo l'ora di entrare in contatto con ragazzi di altre nazionalità. Ci siamo diretti al Camp Roger Dilon e arrivati in loco, dopo esserci presentati con altri ragazzi e con le animatrici, siamo stati subito collocati nelle nostre camere.

La mia compagnia di stanza è arrivata in tarda serata, una ragazza Russa, estremamente gentile con cui ho subito legato molto. Il primo giorno è passato molto velocemente, tra presentazioni, curiosità e anche un pò di timidezza, ma il secondo giorno è cominciata l'avventura! I ragazzi del campus provenivano da tutto il mondo: India, Brasile, Messico, Finlandia, Svizzera, Italia, Polonia, Turchia, Spagna, Russia, Inghilterra, Germania e ovviamente, non poteva mancare, la splendida Francia!!! La prima settimana è trascorsa all'insegna delle attività sportive, attività che hanno stimolato la mia voglia di fare e il mio interesse, come il kayak, il tiro con l'arco (in cui ho scoperto di avere grandi capacità), il nuoto, l'arrampicata in palestra, il judo e la scherma. Le giornate cominciavano molto presto! 


Alle 7 e mezza del mattino le animatrici bussavano alle porte di tutte le camere in modo talmente forte che era impossibile non svegliarsi :-) 
Durante la mattinata e il pomeriggio il programma prevedeva attività sportive, mentre le serate erano libere e dopo cena noi ragazzi amavamo molto riunirci nel campo di pallavolo a giocare, parlare o ascoltare musica! La sera era un momento importante per conoscersi e confrontarsi, un momento di grande allegria e curiosità. Meravigliosi sono stati i quattro giorni in campeggio, nei pressi del Lago di Tezenat. Un'esperienza unica, divertente e utile a migliorare il proprio spirito di adattamento.                                                                                                                                                       

La seconda settimana invece è stata dedicata alla visita dei paesi limitrofi a Vichy, nella quale i vari Club Lions ci hanno accolto con gioia e ai quali abbiamo cantato la canzone del Campus in senso di ringraziamento. Abbiamo visitato la città di Digoin, in cui abbiamo avuto il piacere di pranzare su uno splendido battello in compagnia degli amici del Club di Charollais Brionnais; la città di Moulins, la cui visita della città storica e dei suoi monumenti è stata estremamente interessante; la cittadina di Le Creusot, in cui abbiamo visitato un antico castello medioevale e la degustazione di vini tipici della zona; la città di Thiers, la capitale dei coltelli in cui abbiamo assistito al processo di lavorazione di un coltello e abbiamo conosciuto la storia di questo semplice ma meraviglioso oggetto. Abbiamo anche avuto la fortuna di passare una giornata al parco d'attrazione "Le Pal", in cui ci siamo divertiti davvero molto in compagnia del Presidente del Camp Roger Dilon, Georges Truffaut. Una cosa che ho apprezzato molto è stata la costante presenza del Presidente. Ogni momento è stato condiviso con lui e credo sia importante sottolineare questo punto in quanto dimostra quanto egli tenga ai suoi ragazzi e quanto soprattutto egli creda in questo progetto. 

Porterò questa esperienza sempre nel cuore, insieme alle splendide persone che ho conosciuto e che mi hanno accolto con tanto amore. Ringrazio di cuore chi mi ha permesso di vivere questa esperienza.