Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Prima di tutto ci terrei a sottolineare il fatto che questo viaggio non è stato per me solo un viaggio ma un'esperienza che mi ha insegnato molto e che mi sarà di aiuto nel corso della mia vita.

La meta che avevo scelto non era la Croazia, e alla Croazia non avevo proprio pensato, ma devo dire che forse avrei sbagliato meta andando da qualche altra parte perché non so se mi sarei trovata così bene come in Croazia. La mia 'host family' era una coppia con due gatti e insieme a me c'erano altri tre ragazzi del nord Europa. Le caldissime giornate erano scandite da pasti fuori orario e lunghissime ore in spiaggia a Pula; siamo anche usciti tre volte in barca per tornare abbastanza bruciati e stanchissimi. Abbiamo anche festeggiato il compleanno di una delle ragazze che faceva 18 anni e le ho preparato il tiramisù per farle una sorpresa.

Dover lasciare la famiglia per andare al campo è stato molto triste ma purtroppo necessario. Il camp era fantastico, a partire dalla location sulla spiaggia che era a nostra disposizione 24h su 24, fino all'organizzazione. A prendersi cura di noi in tutto questo c'erano due ragazze davvero speciali. Mi sono divertita tutto, sia nelle attività sul camp che nelle visite ma soprattutto quando abbiamo fatto zip lining a Pazin. La cosa più bella che mi porto dietro è sicuramente tutto quello che gli altri ragazzi mi hanno insegnato sulle loro tradizioni e culture, perchè anche poca distanza tra noi può fare una grande differenza nel modo di vivere di ognuno. Ho salutato gli altri ragazzi con qualche lacrima ma sono sicura che presto ci rivedremo.

Per finire un grazie di cuore a tutti i lions che mi hanno permesso questa esperienza ed in particolare al Dott. Fabrizio Carmenati ed alla Dott.ssa Luisa Paroli.