Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

 

La mia esperienza in Australia è stata al dir poco straordinaria, non solo perché questa terra possiede tra le più attraenti bellezze del mondo ma anche perché mi ha permesso di conoscere persone che davvero non dimenticherò mai.
L’esperienza comincia all’aeroporto della mia città, Catania, dove conobbi due delle mie compagne d’avventura, l’emozione era grande ma lo sarebbe stata ancora di più non appena messo piede sulla terra dei canguri.

Dopo circa quaranta ore di viaggio finalmente ero arrivato a Coffs Harbour, la città dove avrei trascorso le prime tre settimane della mia esperienza; ad aspettarmi in aeroporto c’era la mia famiglia australiana. Dopo lo scambio di poche frasi, capii subito quanto ero fortunato ad aver incontrato persone così cordiali, affettuose e davvero disponibili. Sin dai primi giorni sono andato con loro alla scoperta della zona, tra Brisbane e Sydney, luoghi incantevoli e spiagge lunghe migliaia di chilometri dalla sabbia bianca, come mai avevo visto. Il luogo che di sicuro mi ha più emozionato è stato Sydney, città che definirei “landscapes city” proprio perché offre agli appassionati di fotografia scenari mozzafiato. 

 

L’accoglienza dei Lions è stata davvero calorosa, sin dalla prima sera mi hanno dato la possibilità di partecipare ad una festa di benvenuto dove ho conosciuto molte delle persone che mi avrebbero fatto esplorare la zona. Il club di Urunga, la piccola cittadina dove soggiornavo, mi ha offerto un’esperienza incredibile, quella di vedere le balene del Pacifico su un’imbarcazione, questa è stata una tra le più suggestive attività in Australia!

Queste tre settimane con la mia “Aussie family” sono state meravigliose e non smetterò mai di ringraziare Brett e Maryann che come un figlio mi hanno ospitato a casa loro!

Ma l’esperienza non era ancora finita, nell’ultima settimana infatti, volato a Proserpine, cominciava camp Kanga!!! Italia, Mongolia, Usa, Svizzera, Finlandia, Austria e tante altre nazioni, provenivamo da tutte queste parti del mondo, noi ragazzi del camp Kanga, compagni d’avventura!

 

Sue, la direttrice del nostro camp, ha organizzato con il vero spirito Lions delle attività davvero meravigliose per noi ragazzi; quella che ho più gradito è stata di sicuro l’escursione alle Whitsundays Islands dove oltre ad avere la possibilità di nuotare con gli sgargianti pesci della Grande Barriera Corallina (tra cui ricordo il famoso “Nemo”!!), abbiamo anche passeggiato su Whiteheaven beach, un Paradiso bianco come suggerisce il nome stesso; non scherzo dicendo che è davvero il luogo più suggestivo che abbia mai visto.

 

Ma del campo ciò che non dimenticherò mai è senz’altro la compagnia, non ho trovato soltanto persone con cui trascorrere una settimana in Australia, ma veri Amici.

Ringrazio ancora il Lions Club International per l’occasione offertami e auguro a chiunque parteciperà a questo fantastico progetto una meravigliosa “Aussie experience”!!!!