Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Benvenuti nel sito di scambi giovanili e campi per la gioventù dei Lions!

 

 

Quest’ estate ho avuto la possibilità di intraprendere un viaggio: destinazione Israele.
Inizialmente molti dei miei amici erano piuttosto spaventati considerandola una meta non troppo sicura; nonostante ciò ero decisa a partire.
Una delle migliori scelte che abbia mai fatto.

Ho visitato un paese stupefacente, e ogni giorno mi sono svegliata con il sorriso. Ho trovato una seconda famiglia e moltissimi nuovi amici, ho visto paesaggi mozzafiato e soprattutto ho realizzato il mio sogno, ovvero visitare questa nazione che mi era sempre sembrata una meta irraggiungibile poiché lontanissima.
Il giorno della partenza ero tranquilla, ma solo perché non sapevo cosa mi aspettasse. Per fortuna ho dovuto fare solo scalo a Francoforte ma per me che non ho mai viaggiato da sola, anche quella è stata un’avventura. Il secondo volo è durato nove ore e mezza, una vera e propria odissea. Appena sono scesa però il gentilissimo personale di terra, con tanto di cappello da cowboy, mi ha saputo dare una mano per giungere al ritiro bagagli. Questa frase contiene le due parole più significative del mio viaggio: gentilezza e cowboy, ma probabilmente saprò spiegarmi meglio in seguito. Ho riconosciuto subito la mia host family grazie alle foto che mi avevano inviato per mail; all’aeroporto ho conosciuto anche il responsabile del camp a cui avrei partecipato, Tony Prettegiani, e alcune ragazze provenienti da vari paesi. Tim e Gail mi hanno parlato di come in quei giorni ci fosse lo “Stampede”, ovvero un gigantesco festival che si svolge ogni anno a Calgary, o come preferiscono chiamarlo loro “The greatest outdoor show on earth”. Prima pensavo che in Canada ci fossero solo boscaioli ma mi sono dovuta ricredere, dato che nel Sud dell’Alberta si sentono tutti, profondamente, dei cowboy.

Mi chiamo, ho 17 anni e non faccio parte del Lions Club ma durante l’ estate 2016 ho avuto l’ occasione di partecipare agli Scambi Giovanili del Lions Club.
Il mio viaggio è iniziato il 26 Luglio quando ho conosciuto all' aeroporto Martina, un’ altra ragazza italiana che partecipava allo scambio. Insieme abbiamo affrontato un lungo viaggio in aereo con ben 7 ore di scalo a Instanbul dove abbiamo fatto amicizia con altri ragazzi partecipanti provenienti da diversi paesi europei. Dopo quasi 11 ore di viaggio siamo arrivati a Taipey City , capitale di Taiwan (denominata Isola Formosa) dove ci aspettavano le nostre famiglie ospitanti e i membri del Lions Club . Erano tutti molto accoglienti e non si scomodavano a fare conoscenza o chiedere informazioni sui nostri paesi d’ origine.