Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Welcome!

 

Roma

Roma, La città eterna ha accolto a inizio febbraio 2019 tutti gli Officers Lions impegnati nel programma campi e scambi giovanili Lions, per proseguire e mettere a punto il programma che vedrà l'Italia accogliere nel mese di Luglio i ragazzi provenienti da tutto il mondo.

Quest'anno sarà un anno particolare in quanto, sempre a Luglio, dal 5 al 9, si terrà a Milano la Convention Internazionale per la prima volta organizzato nella nostra nazione.

 

 

 

Il mio viaggio è iniziato proprio con l’inizio dell’anno nuovo, insomma non potevo chiedere di meglio!
Prima settimana: Eldorado, Misiones. 40 ragazzi, tre nazionalità (Argentina, Italia, Messico) e tanta natura. Non parlavo spagnolo, odiavo tutto ciò che era “rustico”, come direbbero gli argentini, e odiavo giocare nel fango.  Seconda settimana: Santa Fe capitale e Barrancas.
Dalla selva alla città, dal Rio verde alla doccia con l’acqua calda. Tante nuove amicizie, tanti dolci e pizza, serate en Bolice (la discoteca) fino alle “sei de la manana”, vocaboli argentini inventati (Arreeee, per esempio, come per dire “see”) e una nuova hermanita argentina, Candela, la mia host sister.

La mia bellissima avventura è iniziata il 21 gennaio 2019 quando sono partita da Venezia.
Dopo uno scalo a Dubai e 10 ore totali di volo sono final- mente arrivata a Colombo dove però non c’era nessuno che mi stava aspettando!!
Mentre cercavo di capire cosa fare e dove andare, mi è arri- vato un messaggio dal fantastico organizzatore Manju che mi avvisava che alle 8 di sera mi sarebbe venuto a prendere un suo amico perché lui non poteva e sua mamma mi avrebbe prepa- rato la cena; l’unico problema era che erano le 8 di mattina!!
Alla fine tutto si è risolto per il meglio e ho dovuto aspettare solo mezz’oretta.
Una volta salita nel furgoncino, che sarebbe stato il nostro mezzo di trasporto per l’intero viaggio, ho cono- sciuto Manju e i miei primi due compagni di viaggio: Laura, anche lei italiana, e Paul, dall’Austria.

Continua su 

Ho definito questa avventura come “l’esperienza delle prime volte” intesa come primo viaggio da sola, primo viaggio fuori dall’Europa, primo passo per mettermi in gioco.
Un’esperienza che mi ha dato molto soprattutto per il contatto con ragazzi di nazionalità completamente diverse dalla mia .
La Nuova Zelanda è una meta ambita ma molto lontana poiché sono in totale 24 ore di volo più le 12 ore di fuso orario. È uno dei posti più puliti che io abbia mai visitato e molto spesso, quando mi recavo in città con la famiglia che mi ospitava, vedevo persone che passeggiavano addirittura scalze e, a seguito mia perplessità, la famiglia mi rispose che in Nuova Zelanda sono molto puliti e in ordine.