Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Benvenuti nel sito di scambi giovanili e campi per la gioventù dei Lions!

 

L'attività consta di un programma di accoglienza in seno a famiglie che si rendono disponibili all'esperienza e sovente anche in un periodo di vita in comune con ragazzi di tutto il mondo. Quest'ultima esperienza avviene nei cosiddetti campi della gioventù. Il Campo della Gioventù del Multidistretto è il Campo Italia che è itinerante, in quanto periodicamente l'onere e il piacere dell'organizzazione viene assunta da un Distretto diverso.

 

E' uscito il numero di Aprile di LION con due articoli che rguardano gli scambi giovanil.
E' possibile prenderne visione nella Rassegna stampa.

lion aprile16

 

 

 

Quando parti per la Macedonia, non sai bene cosa ti aspetta, cosa puoi immaginarti, come raffigurartela.
Così parti con molta curiosità, ma anche un po' di tensione. Poi però arrivi, e le settimane passano come non hanno mai fatto, vedi cose nuove, paesaggi quasi incontaminati, laghi che sembrano mari, da quanto sono imponenti, città, come Ohrid, dalle 365 chiese, una per ogni giorno.
E soprattutto conosci un popolo bellissimo, caldo, aperto e accogliente. La mia famiglia è stata unica nel farmi sentire parte di loro, e vivere la loro quotidianità. Sempre un occhio attento a come stavo e a cosa avevo bisogno, così come i Leo del campus. Delle ottime persone sotto ogni punto di vista che credevano in quello che facevano e volevano farlo al loro meglio, facendo stare ognuno a suo agio. Così, se eravamo stanchi, ci fermavamo e ci riposavamo un attimo, per poi ripartire sotto il sole cocente alla scoperta dei tesori nascosti della Macedonia. Certo, era la loro prima esperienza, così alcune volte hanno peccato di una cattiva organizzazione, come quando siamo saliti per mezz'ora arrampicandoci su per una montagna per vedere un monastero, per poi scoprire che il famoso monastero era chiuso. Ma la situazione è stata subito sdrammatizzata da un bel gruppo di giovani affiatati provenienti da tutta Europa che si sono fatti una bella risata.

Grazie al Lions quest’estate ho passato tre fantastiche settimane in Macedonia!!!!!
So che la meta può sembrare un po’ strana, ma è meglio non farsi ingannare dalle apparenze!Durante la mia permanenza in Macedonia ho passato la prima settimana a Skopje in famiglia, in cui ho avuto la fortuna di incontrare una delle ragazze del campus a cui avevano assegnato la stessa host-family e con cui ho stretto una fantastica amicizia.
Era una famiglia grandiosa e numerosissima, con genitori, nonna, figli, rispettive fidanzate, e amici: ci hanno portato a fare il tour della città, sul monte che domina la valle in cui è situata Skopje e su cui sorge la Croce Millenaria (simbolo del fatto che anche loro sono cristiani), alla Fortezza, al bazar turco, all’Universtà, lungo i viali che costeggiano il fiume Vardar pieni di negozi, bar e persone, e in numerose discoteche! Tutta la famiglia è stata gentilissima, anche se alcuni non conoscevano bene l’inglese cercavano comunque di comunicare con noi, ci spiegavano le loro usanze, i vari cibi, ci facevano conoscere la loro musica e le loro città, ci coinvolgevano sempre in tutto, tanto da farci sentire parte della famiglia.
Sempre a Skopje abbiamo conosciuto alcune delle altre ragazze del campus e il nostro responsabile, e insieme abbiamo visitato qualche chiesa ortodossa,  la TV nazionale, il museo più importante della città…Nell’ultimo week-end con la famiglia sono poi andata con i figli e tutti gli amici in un paesino chiamato Galicnik dove abbiamo assistito ad una festa tradizionale fantastica, con musica, balli e pure matrimoni!!!Trascorso il fine settimana io e la ragazza che viveva con me abbiamo cambiato destinazione e siamo arrivate a Mavrovo, un paese a 1200 metri sul livello del mare, in cui abbiamo trascorso quattro giorni in un bellissimo hotel insieme a tutte le ragazze del campus. Qui abbiamo visitato il paese e quelli vicini, tra cui Bunec, Tresonce, Selce, Rosoki, Rajcica e Vevcani, visto monasteri, fatto escursioni, pic-nic e un po‘ di sport. 

Come nel resoconto dell'anno scorso non posso che ribadire quanto io abbia adorato questa bellisssima esperienza.
Quest'anno poi ho vissuto una emozionantissima avventura prima dell'arrivo in macedonia che vale la pena raccontare.
Non so se ricorda ma ho avuto problemi con il passaporto inizialmente, poi finalmente due giorni prima della partenza ho ottenuto il passaporto e prenotato immediatamente il volo.
Ho preso poi l'aereo a  milano e dovevo cambiare a praga per skopje. a milano l'aereo ha avuto dei problemi e sono partita un'ora in ritardo, a praga sono arrivata un ora dopo, 5 minuti dopo l'ora prevista della partenza e il gate per skopje era già chiuso e non mi hanno lasciata passare, può pensare quanto fossi preoccupata e insicura su cosa fare. Fortunatamente ho sentito i miei genitori e il responsabile in macedonia per informarli, ho cambiato il volo ma l'unica possibilità era solo prendere un volo per budapest e poi per skopje. Ho aspettato 6 ore a praga e 5 a budapest e finalmente dopo 12 ore sono arrivata in macedonia. La mia più grande fortuna è quella di aver trovato un uomo con sua figlia, macedoni, che avevano perso il volo come me. Lui è stato gentilissimo, ha parlato con il responsabile macedone al telefono per me in macedone anche perchè io ero preoccupatissima, mi ha parlato in anticipo della macedonia tutto il giorno e ha aspettato con me a skopje per assicurarsi che fossi al sicuro. Grande finale, arrivata in macedonia all'una di notte finalmente sollevata scopro che la mia valigia era stata persa nonostante io avessi arrangiato l'arrivo a skopje insieme ai miei nuovi voli.