Il nostro sito fa uso di cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'uso di questi file.

Benvenuti nel sito di scambi giovanili e campi per la gioventù dei Lions!

 

 

I distretti stanno incontrando i ragazzi in partenza.
Oltre a consegnare loro il materiale che li contraddistinguerà durante la partecipazione al programma Scambi Giovanili Lions affiderà loro un messaggio di pace e fratellanza da portare ai Lions e alle famiglie che incontreranno nei paesi di destinazione.
Complessivamente i ragazzi andranno in una cinquantina di paesi in tutti i 5 continenti: la GRANDE FAMIGLIA LIONS !!!!

 

 

Distretto 108 YA

 

Distretto 108 IA1

 

 Distretto 108 AB

 

Distretti TA1 - TA2 - TA3

Distretto TB

 

Ci sono solo due parole per descrivere questa esperienza. Favolosa e irripetibile.
Mi sono veramente divertito come non mai.
La prima famiglia, a Tabor, in Repubblica Ceka è stata incredibile. Gentili, divertenti, disponibili e mai noiosi; non c’era un giorno che passasse senza fare la stessa cosa due volte. Siamo stati al festival del cinema di Karlovy Vary, in discoteca, a visitare posti da favola, come Praga.
Meravigliosa.
La seconda famiglia viveva in Slovakia, a Banska Bistrica, dove mi sono un po’annoiato perché non c’era il loro figlio come nella prima che mi portava in giro! Ma comunque mi sono sempre divertito perché siamo andati a fare rafting con un altro ragazzo italiano e siamo andati a visitare la città con tutti i luoghi di interesse e poi a fare spese.
La terza famiglia, doveva essere un campo ma, in realtà, era un favoloso hotel – Partizan, dove ci siamo ritrovati con tre italiani, due finlandesi e tre turche. Lì c’erano piscine, saune e jacuzzi da favola! Siamo andati a fare escursioni in montagna – ma il tempo non era dalla nostra – e poi in discoteca. La cosa più emozionante è stato quando, su un palazzo luminoso, hanno scritto tutti i nostri nomi! Penso che in questa settimana mi sia divertito più che mai!
È stato bello conoscere lingue, posti e culture divere. Ringrazio moltissimo tutto il Lions Club per questa favolosa esperienza.

 

Il primo giorno sono arrivato all'aeroporto di Praga nel quale mi è venuta a prendere la mia host sister; sono arrivato verso le 18 passate a causa della partenza avvenuta con 1 ora e mezza di ritardo, e dopo un'ora di autobus siamo arrivati in albergo dove ho soggiornato la sera in quanto non potevamo andare a casa di questa ragazza perche troppo distante, mi sono sistemato in albergo, ho fatto la doccia, siamo scesi nell'alimentari di fronte mi sono comprato la cena e ho visto la finale degli europei. 
La mattina del 2° giorno abbiamo girato per Praga insieme ad altri 3 ragazzi ed i loro rispettivi host sister/brother, verso le 16 siamo andati alla stazione e abbiamo preso il pullman per Hradek, pullman che ci mette circa 4 ore per arrivare e da quel giorno Praga non l'ho più vista.... 
Ora spero si comprenda che dal momento che sapevo che l'host family sarebbe stata a Praga quando ho visto dove veramente era, ovvero in un paesino sperduto, che di Praga non ha NIENTE, sono rimasto un pò deluso anche perchè non c'era veramente nulla da fare. Per fare un'esempio è come se le dicessi che la porto a Roma e poi per una settimana stiamo nel mezzo delle campagne di Viterbo....

L'Istituto Scolastico “V. Manzini” di San Daniele del Friuli, di cui faccio parte, collabora da diversi anni con il Lions Club locale: ogni anno le classi quarte partecipano al concorso interscolastico per vincere un soggiorno in Italia o all'estero. 
Questa volta il concorso l'abbiamo vinto un giovane di Clauzetto ed io , ma fino al momento del viaggio effettivo non ci siamo resi conto entrambi della possibilità che ci era stata data. 
Infatti non è di un concorso che si parla, ma di un viaggio, come quelli che vedi solo nei film, un’esperienza che in un certo senso ti cambia la vita.
Almeno per me è stato così.

Partenza – Venezia
30 giugno

Sveglia presto, ma non mi è servita: ero già sveglia per l'agitazione un quarto d'ora prima che suonasse. 
Valigie nel bagagliaio dell'auto e via, direzione aeroporto Marco Polo. 
Check-in? Fatto. 
Baci e abbracci a mamma e papà? Fatto. 
Una sensazione di indipendenza mi attraversa dalla testa ai piedi, ma questo è stato solo l'inizio del vortice di emozioni in cui sarei stata catapultata. Sull'aereo incontro le mie future compagne di Camp: una ragazza di Firenze, una di Venezia e una di Verona.

Accesso Utenti

vuoi ospitare

logo lions